fbpx
Pesaro come la "piccola città" di Thornton Wilder: in cerca di ispirazione, una passeggiata notturna con il flâneur Marcello Cocco

Pesaro, 1948. Evanescente come il filo d’aria che dal mare sale verso la piazza un flâneur passeggia in notturna tra le vie del centro. Piazza del Popolo è quasi deserta, manca ancora la fontana, la tardocinquecentesca ‘pupilla di Pesaro’ distrutta dai bombardamenti (sarà ricostruita nel 1960), ma nell’alba della “piccola città” si respirano già i colori balneari.

Pesaro, 1955. Sette anni dopo. Nonostante i ritocchi pastello questa cartolina riesce sempre a infondermi un certo buonumore. Una leggerezza d’animo sottile ma inequivocabile, come la tranquilla fiducia che pervade il Notturno a Pesaro composto da Marcello Cocco nel 1948 per l’opuscolo Pesaro e la sua provincia.

Ecco, questo è il mio augurio per l’estate che arriverà: un’arietta frizzante che filtrando dalle mascherine ci riconsegni ravvivati i luoghi del cuore, per sollevarci dall’afa e, finalmente, dallo spleen di una primavera straniante.

***

Questa, signori, è la nostra “piccola città“. Da una parte vi è il mare che non somiglia a nessun altro, perché due colli, l’Ardizio e il San Bartolo, ne delimitano la proprietà. È un mare privato, padronale. Quelli degli altri paesi adriatici sono uguali, si fondono e si confondono; questo no.

Di notte tutti i paesi si somigliano un poco. L’ore più vere della nostra piccola città sono quelle dell’alba; quando i pescatori di “telline” sono cento metri dentro il mare coi calzoni rimboccati fino al ginocchio ché l’acqua non arriva più in su. Lontano il molo di Fano è una striscia bianca che luccica per il sole che batte sui vetri delle case, e più lontano Ancona, come nuvola chiara che appare e dispare sul golfo di San Ciriaco.

Fra poche ore la nostra spiaggia avrà tutti colori balneari: i rossi, il turchino, il giallo – sono le tende, gli ombrelloni, i capanni – faranno bella mostra, così, quasi per elegante civetteria…

Questo è il Caffè Centrale – qui si discutono e risolvono i problemi cittadini: i concerti, le mostre, il piano regolatore, sono nati in questo caffè. E quel palazzo a sinistra che ora vedete di colore grigio blù dorato (il suo colore di notte) con cinque belle finestre su sei archi di tono medioevaleromanico, è il Palazzo Ducale di Alessandro Sforza.

La vita della nostra piccola città scorre serena; gli abitanti, tranquilli, non si stupiscono di nulla, gli avvenimenti spesso notevoli toccano tutte le tonalità: quelle persone che vengono a gruppi verso di noi sono usciti ora dal teatro, nel salone del Conservatorio provano ancora il concerto che si farà domani, quel distinto signore che in questo momento esce dalla casa di Amilcare Zanella e s’allontana nel viale a mare, è Franco Alfano.

Ora sono andati tutti a riposare: è questa l’ora in cui i viali odorano di mare e biancospino, i portali trecenteschi delle nostre chiese hanno l’armonia di lunghi accordi d’organo, e gli intarsi di Sant’Agostino con figure e scene cittadine, formano come un “coro”, si raccontano strane storie paesane, fanno il paese della fantasia, dolce paese.

Questa, signori, è la nostra piccola città, vecchia, stravecchia, gotica, medioevale, malatestiana, tra il mare, il Catria, Urbino e il forte di Gradara.

È tardi: andate a riposare anche voi. Nelle vie scure e deserte, sulle vecchie case cariate dal vento di mare, lungo i viali di querce, di pini, di ippocastagni, gioconda, grande, magnifica, rimane la magica melodia di Gioacchino Rossini.

Marcello Cocco, 1948

Pesaro, piazza del Popolo, 1955 (collezione Cristina Ortolani)
Pesaro, piazza del Popolo, 1955. Cartolina (collezione Cristina Ortolani)

Lascia un commento

Top
Mnemosine - iscrizione alla newsletter

Mnemosine, la mia newsletter
Esce il primo lunedì del mese e contiene storie, memorie, i libri e i film che ti consiglio, i miei corsi e qualche sorpresa. Puoi iscriverti qui. Ah, certo, c’è anche un piccolo regalo di benvenuto, e sono sicura che ti piacerà moltissimo :)

010-biscuit.png

Questo sito usa cookies tecnici di terze parti. Se sei d’accordo, chiudi e continua a leggere. Oppure approfondisci.